Ardesia: caratteristiche, tipologie, colori e utilizzi

ardesia

L’ardesia è una roccia largamente diffusa dalla storia antichissima. Chi non ha mai utilizzato a scuola la lavagna durante le interrogazioni? Forse non tutti sanno che essa è formata da una lastra di ardesia, una particolare roccia di colore nero o grigio scuro nota, appunto, anche come “pietra di lavagna”. Ma c’è di più perché questo materiale prende il nome da una delle zone che fino al secolo scorso era il centro di maggior commercializzazione e di estrazione dell’ardesia, ovvero la bellissima località costiera di Lavagna, nella Liguria orientale, posta lungo la Riviera di Levante sul Golfo del Tigullio.

Utilizzata oggi prevalentemente per lavori edilizi, si ritiene che essa fu estratta per la prima volta oltre duemila anni fa, proprio in Liguria ed il suo uso come materiale per riparare tetti e creare coperture, risale addirittura a un periodo precedente alla dominazione romana, perfezionato in seguito nell’epoca medievale e massicciamente usato durante il Rinascimento per la realizzazione di chiese, cattedrali e numerose opere d’arte.

Oggi, grazie all’innovazione tecnologica e al rinnovamento dei gusti e della moda, l’ardesia è una roccia che è entrata prepotentemente nel mondo dell’interior design, utilizzata per creare mensole, panche, soprammobili vari; ma anche per piatti, taglieri e altri strumenti utili per la casa e la cucina. Insomma, soprattutto negli ultimi anni, l’ardesia è diventata molto competitiva per la realizzazione di oggetti e come materiale di costruzione e di abbellimento, non solo per merito del suo aspetto elegante e raffinato, in grado di dare un tocco di classe all’arredamento, ma anche grazie alla sua duttilità di utilizzo e di lavorazione.

Caratteristiche dell’ardesia

ardesia caratteristiche

L’ardesia viene classificata in geologia come una roccia metamorfica di origine sedimentaria. Cosa significa? Sostanzialmente, si tratta di una particolare varietà di scisti clastico-argillosa detta “marna” derivante da una mescolanza di argille e calcare di origine detritico-organogena o chimica, secondo le varie porzioni.
La particolare caratteristica dell’ardesia è la fissilità, ovvero la capacità di dividersi facilmente in lastre molto sottili, leggere e impermeabili grazie al processo di metamorfismo di basso grado di rocce sedimentarie (detto tecnicamente semimetamorfismo o anchimetamorfismo) fenomeno avvenuto in seguito al deposito di materiale di varie dimensioni emesso da esplosioni vulcaniche i cui frammenti hanno seguito in aria o lungo le pendici del vulcano percorsi più o meno lunghi, prima di sedimentarsi su altre rocce o in mare. Ecco perché l’ardesia, come le altre rocce di questo tipo, vengono considerate sedimentarie anche se i materiali che la costituiscono sono di origine ignea.
Appartenente alla famiglia degli argilloscisti, l’ardesia è considerata una roccia tenera o semi-dura, dalle straordinarie caratteristiche, infatti essa è: resistente al fuoco, alla compressione, agli urti e alla flessione (quindi perfetta per realizzare piani cottura per la cucina o per rivestire l’interno di stufe e camini); è poco porosa e dunque impermeabile (ideale per rivestire le docce o per realizzare pavimentazioni), levigabile, tenace e resistente agli agenti atmosferici e infine possiede un basso grado di dilatabilità risultando, così, indeformabile.

L’ardesia è composta principalmente da minerali come quarzo, illite e muscovite, combinata con pirite, biotite ed ematite. Da un punto di vista chimico l’ardesia contiene in media il 60% di silice, il 15-20% di allumina e il resto è formato da soda, calce e altri elementi.

Dalla bellissima texture scura, generalmente nera o di color grigio cupo, l’ardesia presenta una superficie piana e liscia, leggermente squamosa, dalla lucentezza metallica o spesso setosa.

Colori ardesia

L’ardesia è naturalmente una roccia di colore plumbeo, a volte con tinte tendenti al blu scuro, o quasi nero. Tende a schiarirsi quando viene estratta a causa del processo di ossidazione dei residui carboniosi a contatto con il sole, l’umidità e l’ossigeno, assumendo una colorazione più chiara, diventando di colore grigio scuro. A seconda del luogo in cui si sono depositate millenni fa, le ardesie assumono colori svariati: dal grigio piombo, al violaceo, al bluastro e al verde scuro.

Il colore tipico dell’ardesia utilizzato in edilizia e nell’arredamento è però il grigio; infatti, esiste anche un colore chiamato proprio “grigio ardesia”: una tonalità di grigio con dei leggeri riflessi azzurri.

Ardesia: gli utilizzi

In virtù delle innumerevoli qualità e caratteristiche precedentemente descritte, l’ardesia è una roccia che si presta in particolar modo in campo edilizio per la realizzazione di tetti, pavimenti e rivestimenti esterni di muri. Le lastre più grosse e lunghe sono usate, invece, per stipiti e architravi; mentre quelle più sottili sono usate per realizzare gradini, lapidi sepolcrali e lastre per rivestire le docce. Le tavole di ardesia vengono adoperate anche per tante altre cose come per creare oggetti di arredamento di una casa come piatti e taglieri o per soprammobili di tutti i tipi.

Piatti doccia ardesia

Tra i tanti piatti doccia disponibili in commercio, una delle opzioni più valide è indubbiamente il piatto doccia in ardesia, che oltre ad essere di notevole impatto estetico, donando al bagno un tocco di eleganza e classe, riesce a combinare perfettamente l’estetica con la resistenza e la durevolezza nel tempo. Uno dei vantaggi principali di un piatto doccia in ardesia è sicuramente l’impermeabilità, in quanto, come si è detto, questa pietra è naturalmente resistente all’acqua. La finitura antiscivolo permette un utilizzo adatto in bagno evitando pericolosi incidenti domestici. Un’altra caratteristica da non sottovalutare è la semplicità in termini di manutenzione: rispetto agli altri materiali, l’ardesia può essere pulita molto facilmente, grazie alla sua superficie liscia e scorrevole. Inoltre, in base alla finitura è antimacchia, resistente al peso e alle alte temperature.

Per quanto riguarda il prezzo di un piatto doccia in ardesia, esso risulterà essere un’opzione più costosa rispetto alla ceramica o alla resina, in virtù delle numerose caratteristiche e del fatto che si tratta comunque di una pietra naturale sottoposta a lunghi processi di estrazione e lavorazione.

Pavimentazioni ardesia e piastrelle

L’ardesia è una roccia eccezionale anche per realizzare piastrelle e pavimentazioni sia per interni che per esterni. Le parole d’ordine sono bellezza e resistenza: infatti, un pavimento in ardesia non è solo bello da vedere, elegante e perfetto per realizzare ambienti sia di stile classico che moderno, ma è anche un materiale robusto, resistente e tenace agli urti, alle rotture, alle crepe e ai graffi. Oltre ad essere uno dei materiali più resistenti in natura, l’ardesia, se adeguatamente sigillata, è perfetta per realizzare la pavimentazione in bagni e cucine grazie alla sua lunga durevolezza nel tempo. Per quanto riguarda il prezzo per l’acquisto di piastrelle per pavimentazioni in ardesia esso dipende dalla dimensione delle piastrelle o delle lastre.

Lavagna ardesia

Così come si è detto all’inizio dell’articolo, l’ardesia è nota per essere il materiale che compone le lavagne tradizionali che vengono utilizzate a scuola. Esse sono generalmente composte da una grossa lastra sottile di forma rettangolare o quadrata in ardesia nera sulla quale si può scrivere con i gessetti ma anche con altri materiali.

Piatti in ardesia

piatti ardesia

L’ardesia è un materiale atossico, resistente al calore e per questo motivo si presta molto bene per realizzare piatti e taglieri. La consistenza porosa, l’eccezionale tenuta alle alte temperature, la disponibilità in varie forme e dimensioni e la sua bellezza indiscussa, fanno si che piatti e stoviglie in ardesia conferiscano un tocco in più alla mise en place di una tavola ben imbandita, rendendola elegante, fine e di moda.

Lastra di ardesia

L’ardesia è venduta in lastre di varie forme e dimensioni che possono essere utilizzate in casa per progetti di design e per realizzare pavimentazioni, rivestimenti e tanto altro su misura grazie alla sua versatilità, resistenza e impatto estetico. Le lastre in ardesia possono essere lavorate per realizzare superfici per tetti, pavimenti, battiscopa e scale, ma anche per realizzare oggetti d’arredamento come mensole, tavole e rivestimenti per cucine e bagni. Insomma, hanno una vasta gamma di applicazioni in quanto consentono di creare combinazioni di stile uniche e speciali, grazie al perfetto mix di fascino, eleganza e resistenza.

Articoli che potrebbero interessarti
cave di marmo di carrara
Cave di marmo di Carrara: come visitarle in autonomia o con tour guidati

Quando si pensa a Carrara la mente corre immediatamente alle cave di marmo. La cave di Carrara sono enormi ferite bianche che si aprono lungo i fianchi delle Alpi Apuane, un affascinante complesso [...]

marmo
Marmo: cos’è, caratteristiche e utilizzi

La parola “marmo” deriva dal greco marmaros e significa letteralmente “pietra splendente”. Fin dall’antichità, infatti, questa roccia veniva apprezzata enormemente per la sua luminosità in[...]

alabastro 1
Alabastro: tipi, caratteristiche, colori e utilizzi

L’alabastro è una roccia sedimentaria evaporitica di origine gessosa o calcitica. Il nome ha probabilmente origini orientali; i Greci Antichi chiamavano alábastron un vaso realizzato in alabastro.[...]

Segui i nostri profili social


Designed by
Chef Studio Pietrasanta - Grafica, Fotografia, Siti Web e Comunicazione Visiva