Marmo Rigato

marmo rigato

Il marmo rigato e la pietra rigata rappresentano un classico intramontabile la cui superficie è caratterizzata da una rete di solchi paralleli e rettilinei, più o meno distanziati l’uno dall’altro. La rigatura marmo può essere parallela ai lati della lastra o, in alternativa, posta in diagonale; in altri casi ancora può essere disposta in modo tale da creare delle particolari geometrie sul pavimento marmo rigato. Come tutte le lavorazioni del marmo che vanno ad intaccare la liscezza della lastra di marmo, anche la rigatura marmo è una finitura marmo consigliata in applicazioni all’esterno per via della resistenza agli agenti e atmosferici e delle qualità antiscivolo che acquisisce il marmo rigato.

Come si ottiene il marmo rigato

marmi rigati

Una volta il pavimento marmo rigato veniva realizzato dagli scalpellini con martello e scalpello. Al giorno d’oggi, invece, esistono diverse tecniche per ottenere il marmo rigato. Una di queste è l’uso di martelli pneumatici la quale richiede comunque forza e fermezza da parte del marmista al fine di ottenere un lavoro pulito e preciso. In alternativa, vi è l’utilizzo di dischi diamantati a profilo variabile oppure di getti d’acqua a pressioni elevatissime.

Usi del marmo rigato

L’installazione di pietre lavorate con finitura rigata è molto comune all’esterno nelle nostre città come ad esempio nelle piazze o nei centri storici: marciapiedi, gradini, davanzali e via dicendo. Il marmo rigato, invece, è molto spesso utilizzato a scopo decorativo (ad esempio con scanalature particolari oppure distanziate in maniera irregolare) per la realizzazione di complementi di arredo come un rivestimento murale o un pavimento marmo rigato.

Segui i nostri profili social


Designed by
Chef Studio Pietrasanta - Grafica, Fotografia, Siti Web e Comunicazione Visiva